12 giugno 2007

WWDC: Considerazioni

La previsione che avevo fatto, come c'era poi da aspettarsi, si è rivelata davvero sballata, ma il WWDC ha vari aspetti da considerare.

Delle parti per me più interessanti di questa settimana non potrò scrivere, ma ci sono ragionamenti che si possono fare anche sugli annunci pubblici: non è stato un keynote eccezionale, molto si sapeva, altre cose non sono state dette, e Safari per Windows è decisamente non degno della qualità Apple, come ormai rimbalza dovunque sul web. Non sono poi sicuro di apprezzare il fatto che il look&feel sia assolutamente Mac:


Però... ecco, c'è un però.
Si dice, e probabilmente con ragione, che Safari per Windows ha motivo di essere soprattutto per facilitare agli sviluppatori il lavoro su iPhone: Safari è su Mac (su iPhone non si può dire) in tutto e per tutto un'applicazione Cocoa, su un motore cross-platform derivato da KHTML. Uno sguardo dentro l'installazione dà risultati tutto sommato non inaspettati e significativi


C'è la DLL di WebKit, ed è ovvio. Ci sono varie librerie standard (ZLib, trattamento XML, Unicode) e di ponte tra i sistemi (pthread, SQLite) e anche questo c'era da aspettarselo. Ma le più interessanti sono le prime 3: CoreFoundation, CoreGraphics e CFNetwork. Su Windows. Se ci mettiamo anche quel po' di CoreVideo che si installa con Quicktime, l'impressione che si ha è che una parte non indifferente di OS X (o magari del suo equivalente su iPhone) sia stata passata (in tutta fretta, visti i risultati) su Windows.
Aggiungiamo al cocktail uno dei principi fondamentali per l'architettura software di un progetto, ovvero minimizzare i cambiamenti necessari da una piattaforma all'altra e massimizzare il riutilizzo del codice (tre codici completamente diversi - WebKit a parte - a seconda del sistema? Un vero incubo!), ed il quadro appare anche in un'altra luce.
E allora mi chiedo: è così peregrino pensare che Safari su Windows possa avere anche la doppia valenza (voluta o meno) di esplorare la possibilità di usare Cocoa in ambiente diverso da Mac OS X? E che magari a breve si potrebbero avere applicazioni portate da OS X a Windows con poche modifiche e un flag di compilazione?
Se poi ricordiamo che le iApps non hanno ancora avuto l'aggiornamento aspettato... no, come profeta non valgo, mi fermo qui!

5 Comments:

At 13/6/07 08:55, Blogger emaskew said...

sinceramente, spero portino molte più applicazioni cocoa su windows, intanto per permettere agli sviluppatori per mac di creare anche versioni per win in maniera nativa, poi per "convincere" grosse case del calibro di adobe a fare i loro software in cocoa invece che carbon, potendo sfruttare cocoa anche per la versione microsoft.

ma iLife, no. mai. ok la migliore qualità di osx rispetto a qualunque versione di windows, ma dare ai windowsiani le iApp vuol dire bruciarsi un sacco di switcher a cui interessano le funzionalità "eye candy", gestione facile dei video, delle foto, della musica creare siti web in un click e fare musica con il computer...

tutta gente che non capisce la qualità superiore di osx neppure usandolo, figurati se gli dai l'iLife! non ti passerebbero più a mac!

 
At 13/6/07 12:45, Blogger Paolo said...

Per la verità, pensavo più alla suite di iWork... Se davvero hanno in cantiere uno spreadsheet (e perché non dovrebbero?), uno sbarco multipiattaforma potrebbe incrementare lo switch opposto: incominci a lavorarci su Windows, e quando sei 'cotto' e pronto a passare su Mac non hai paura di perdere dati (irrazionale, lo so, visto che Office c'è su Mac, ma non si può contare su Microsoft...)

 
At 11/1/10 19:55, Anonymous Anonimo said...

Riesci ad aiutarmi perfavore?
Quando accendo il mio PC mi appare una finestra dicendomi che CoreFoundation.dll non può essere trovato e che una nuova installazione potrebbe risolvere il problema..Però io ho eliminato tutta la roba Apple/iTunes perchè non mi serve più e non mi frega nemmeno di CoreFoundation..Come posso far sì che non mi compaia più quel fastidioso messaggio?
Simona

 
At 12/1/10 14:37, Blogger Paolo said...

Onestamente, su Windows meno ne so, meglio sto...
A naso mi sembra più un problema di registro di sistema (registry in inglese, che pare pensi che una libreria sia necessaria quando non lo è più), magari una delle utility che girano per ripararlo ti risolve il problema...

 
At 14/1/10 14:16, Anonymous Anonimo said...

Ah..E..Mh cosa potrei fare?Scusa ma non sono molto pratica e questo è il link migliore tra quelli che ho trovato..

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home